FALSO

​FAKE: Arabia Saudita, in un video l’attacco con droni armati sugli impianti petroliferi a Riad

Alix Amer 06 July 2019
​FAKE: Arabia Saudita, in un video l’attacco con droni armati sugli impianti petroliferi a Riad
Lo scorso 15 maggio, il profilo ajil dell’Arabia Saudita e un profilo Facebook hanno condiviso un video che è diventato virale tanto da essere postato da decine di utenti e siti. Le immagini mostrerebbero un attacco con droni armati sulle stazioni petrolifere dell’Arabia Saudita a Riad. Ma in realtà è falso. 
 
La ricerca dell’origine del video rivela che si tratta dell’esplosione della raffineria Pemex, in Messico, un vecchio incidente risalente a settembre 2012.

Il viedo falso è apparso dopo un vero attacco avvenuto il 14 maggio scorso, dove alcuni droni armati hanno assaltato 2 stazioni di petrolio in Arabia Saudita, causando l’interruzione della produzione. Si tratta del secondo assalto contro proprietà saudite che operano nel settore del greggio in pochi giorni. Il ministro dell’Energia del Regno saudita, Khalid al-Falih ha spiegato che «l’incendio è stato rapidamente domato». Falih ha rassicurato i compratori internazionali che la produzione di greggio saudita continuerà senza interruzioni. «L’Aramco ha preso misure precauzionali e ha temporaneamente interrotto il funzionamento del gasdotto, poiché sta valutando la situazione e sta lavorando al ripristino delle operazioni nelle stazioni di pompaggio interessate e del gasdotto», ha riferito il ministro in un comunicato. Saudi Aramco è la compagnia nazionale saudita di idrocarburi, il cui nome deriva dalla contrazione di Arabian American Oil Company. La società è tra le più grandi aziende petrolifere al mondo e rappresenta il più importante finanziatore del governo saudita, che possiede la totalità delle sue azioni. A seguito dell’attacco, Aramco ha confermato che non ci sono stati feriti o vittime. Ma il video circolato era una bufala.